La storia

1959

1959

Calze G.M. Sport nasce a Trento, dalla passione, dalla visione e dal nome di Giorgio Montagni. Dopo aver lavorato nel negozio di abbigliamento degli zii Niccolini e aver fatto esperienza in un cotonificio lombardo e in un’azienda di tessuti lanieri in Svizzera, Giorgio propone agli zii di ampliare l’offerta introducendo capi sportivi, allora pochi e provenienti soprattutto dalla Gran Bretagna. La risposta è un ‘No’ e a quel punto Giorgio decide di mettersi in proprio.

1960

1960

Giorgio riesce a trovare uno spazio di produzione nell’ex mensa dell’aeroporto Caproni di Trento. È lì che vedrà la luce il primo prodotto della GM anche se non ancora centrato sullo sport: la calza a rete Giulia, dedicata alla figlia appena nata.

1963

1963

Giorgio importa le prime macchine tessili Bentley dall’Inghilterra ed è uno dei 140 partecipanti della terza edizione del MIAS di Milano (Mercato Italiano dell’Articolo Sportivo). Inizia quindi a concentrarsi su un nuovo prodotto, pensato per sportivi come lui e appassionati di montagna. La realizzazione era ora possibile, grazie alle innovative macchine capaci di produrre calze con spugna interna.

1965

1965

Quasi per caso Giorgio scopre dal giornale che l’intera nazionale italiana di sci alpino si sta allenando sul ghiacciaio della Marmolada. Seleziona per loro due tipi di calze di diverse misure, 25 paia in totale. Con la sua FIAT 103, raggiunge il ritiro della nazionale. Quando arriva stanno tutti riposando, dopo aver lasciato i pesanti calzettoni di lana, fatti a mano, ad asciugare sui balconi.

Giorgio aspetta al rifugio e poi si fa avanti, presentandosi. Li convince a testare i suoi prodotti per i successivi allenamenti.

A fine stagione, li riincontrerà per raccogliere i loro preziosi riscontri tecnici.

1967

1967

Contestualmente all’impegno nei confronti del mondo dello sci, Calze GM inizia ad accompagnare gli alpinisti nelle loro imprese. I prodotti GM conquistato Alpi, Ande e Himalaya.

Nello stesso periodo si stampano i primi cataloghi per presentare ai rivenditori la gamma di prodotti, descritta con cura e dettagli grafici innovativi.

1968

1968

La prima medaglia d’oro per Calze GM arriva alle Olimpiadi di Grenoble con Franco Nones, che interrompe il dominio scandinavo nel fondo.

Dopo la vittoria, l'atleta della Val di Fiemme visita l'azienda invitato da Giorgio.

1969

1969

Giorgio incontra ad Avoriaz il francese Jean Vuarnet, sciatore olimpionico che propone alla F.I.S.I. (Federazione Italiana Sport Invernali) la costituzione di un 'Pool' sul modello transalpino: nasce così il 'Pool Sci Italia' di cui Calze GM entra subito a far parte.

Il consorzio di aziende italiane avrebbe fornito, da lì in avanti, tutte le Squadre Azzurre femminili e maschili di ogni livello della F.I.S.I..

Le calze GM per ben 26 anni saranno ai piedi di tutti gli atleti, da Franco Nones ad Alberto Tomba, passando per Gustav Thoeni, Erwin Stricker, Piero Gros e molti altri.

1971

1971

Quattro amici trentini corrono in Svezia la Vasaloppet e tornati a casa organizzano nel febbraio del ‘71 la prima Marcialonga. Settanta chilometri sugli sci tra la valle di Fiemme e quella di Fassa testimoniano, grazie a oltre 1200 classificati, la nascita degli sport di massa invernali in Italia. Calze GM è presente fin dalla prima edizione come sponsor e con l’entusiasmo personale di Giorgio.

1974

1974

Gli anni ’70 sono quelli della “Valanga Azzurra” e dell’affermarsi sempre maggiore degli sport di montagna. Con le vittorie di Thoeni e Gros inizia l’epoca d’oro dello sci alpino italiano. Calze GM sviluppa e propone prodotti sempre più tecnici per le competizioni come la Coppa del Mondo o la mitica 3-Tre a Madonna di Campiglio.

1979

1979

La primogenita Giulia entra in azienda e affianca il padre Giorgio iniziando a seguire la produzione.

Con Calze GM, sul finire del decennio Reinhold Messner raggiunge la vetta dell’Everest, mentre Francesco Moser prima è campione del mondo di ciclismo su strada e poi nell’84 farà il record dell’ora.

Sempre nel ‘79 GM inaugura la nuova sede di Gardolo con produzione, magazzino e uffici amministrativi.

1980

1980

Con gli anni ’80 GM si apre anche a un nuovo tipo di mercato, più spensierato e pop. Spopolano accessori come Hot Tube e Muff, paraorecchie colorati simbolo del decennio, riconoscibili in tutte le località sciistiche delle Alpi.

Vengono introdotte le nuove macchine tessili elettroniche italiane Sangiacomo che sostituiscono le Bentley meccaniche. Non manca però anche un lato più istituzionale: il Presidente della Repubblica Sandro Pertini passeggia con ai piedi il modello “Gardena” di Calze GM.

1985

1985

La spensieratezza del decennio si trova soprattutto nelle nuove pubblicità. Dalla collaborazione con il fotografo di moda Rocco Mancino Calze GM trova una nuova identità. Non più solo qualità e performance ma anche prodotti vistosi, colorati ed estetici. Anche la calza diventa un prodotto di moda, soprattutto se ai piedi di Alberto Tomba, showman e primo divo nel mondo dello sci.

1987

1987

Grazie allo sviluppo di nuove calze adatte per gli ambienti estremi, i prodotti GM partecipano più volte alla conquista di tutte le 14 vette sopra gli 8000 metri e a diverse spedizioni in Antartide.

Si creano rapporti destinati a durare decenni, come quello con l'alpinista roveretano Sergio Martini.

1990

1990

La secondogenita Elisabetta entra in azienda. In un mercato sempre più competitivo si decide di spostare la produzione. Da quel momento Calze GM sceglie per la sua produzione artigiani specializzati in Veneto e Lombardia, regioni legate da secoli alla tradizione del tessile.

Le ricerche industriali dei grandi gruppi americani della chimica, DuPont in prima fila, impongono sul mercato un’innovativa offerta di materiali e filati sintetici. Le modalità di impiego e le logiche produttive della calza tecnica cambiano. Calze GM si fa trovare pronta.

1995

1995

Con gli anni ’90 subentra alla guida dell’azienda la seconda generazione: Giulia e Elisabetta Montagni. In seguito al passaggio di consegne Calze GM è la prima azienda ad elaborare e depositare il brevetto per la produzione di “calze a struttura anatomica differenziata asimmetricamente per il piede sinistro e destro”.

2005

2005

In piena globalizzazione anche Calze GM, come molte altre aziende, prende in considerazione la possibilità di delocalizzare. Nel 2005 durante la visita a Shenzhen in Cina per valutare la possibilità di spostare la produzione fuori dall’Italia Elisabetta si convince del contrario, della necessità di preservare le qualità del Made in Italy, dell’importanza della responsabilità aziendale rispetto all’impatto ambientale e alla tutela etica di quella che è la filiera produttiva. Scelta opposta rispetto alle tendenze di mercato e che contribuisce in maniera fondamentale a definire la filosofia e l’identità di Calze GM nel nuovo millennio.

2010

2010

Già dalla fine del primo decennio del nuovo millennio Calze GM inizia con grande anticipo sui tempi un percorso che porta ad un ruolo di sempre maggiore consapevolezza ambientale e produttiva, sintetizzato nel protocollo aziendale “Love our planet”. Da quel momento Calze GM, che già produce interamente in Italia, lo fa secondo standard certificati come OEKO Tex® Standard 100, con materiali di origine tracciata, all’interno di una filiera altamente innovativa e con grande attenzione alla sostenibilità sociale.

2012

2012

La storia di Calze GM inizia dal saper “fare a maglia” delle donne, con l'antica arte di realizzare i calzini di lana con i ferri.

L'azienda rende omaggio all'emancipazione femminile valorizzando l'immagine della donna sportiva, sempre più consapevole di nuovi ruoli e di nuove identità.

2014

2014

Calze GM è la prima azienda a utilizzare il cachemire nella calza sportiva. Il know-how acquisito negli anni è il segreto per realizzare nuovi prodotti di eccellenza. Nasce la collezione “Feel the Italian excellence”.

La qualità superiore della linea di prodotti è frutto della selezione dei migliori filati naturali: cachemire, seta e lana vergine merino super extrafine si trasformano in sofisticate calze high tech dal massimo comfort, realizzate secondo gli standard qualitativi più alti da maestranze specializzate.

2020

2020

Calze GM Festeggia il suo 60esimo anniversario. L'azienda inaugura il suo museo, orgogliosa del proprio passato, consapevole di aver lasciato la sua impronta nella mondo dello sport e guardando con rinnovata passione al proprio futuro.

2023

2023

È tempo di nuove sfide! Calze GM sviluppa un nuovo concetto di prodotto a forte contenuto simbolico.

La collezione REGENERATION è il punto di incontro tra eccellenza tecnologica e sostenibilità.

Ne fanno parte la nuova linea Reactive, realizzata in cotone biologico pettinato, in cui ciascun prodotto rappresenta un ecosistema, un tributo alla biodiversità e la linea Recycled, in poliammidica riciclata, proveniente da sfridi di lavorazione della materia prima; le figure geometriche e i colori accessi delle calze vogliono essere, ancora prima che una scelta stilistica, un invito ad esprimersi in libertà e alla necessità di difendere questo importante valore.

Rivenditori

Dove trovare Calze GM?

Esplora